Non Solo Yaoi - Diabolik Lovers

Gli allegri protagonisti della vicenda
Diabolik Lovers è una serie di visual novel di genere dating sim prodotti dalla Reject. Nel 2013 è stata trasmessa in Giappone una prima stagione anime ad essi ispirata, composta di 12 episodi, mentre nel 2015 sono usciti un’ova e una seconda stagione, sempre della durata di 12 episodi.
 
TRAMA: l’adolescente Yui Komori viene mandata dal padre a frequentare il secondo anno di liceo in un castello isolato, dove vivono i sei fratelli Sakamaki; ciò che la malcapitata non può immaginare è che gli affascinanti ragazzi sono vampiri.


 
Yui assediata dai suoi aguzzini... ma
non ci pensa nemmeno a scappare, tranquilli.
Oggi vi parlo di uno degli anime più brutti che io abbia mai visto. E non è nemmeno di genere yaoi, deve essere una specie di record!
Dopo essermi sorbita la prima stagione più le prime 2 puntate della seconda, ho deciso di fermarmi lì. Mi piace il genere horror e sono sempre alla ricerca di qualche anime da vedere, così mi sono imbattuta in questo... solo che di horror ha molto poco, ragion per cui me ne sono presto pentita. Ho finito la 1^ stagione solo perché gli episodi sono molto brevi (15 minuti l’uno) e volevo vedere dove andasse a parare; la 2^ l'ho iniziata per curiosità, per sapere se era sullo stesso tenore della 1^... ma non ce l'ho potuta fare.
Yui: No, ma accomodati pure! *porge collo*
Yui è uno dei personaggi più stupidi che abbia mai trovato in un anime. È praticamente uno zerbino, una Mary Sue della peggior specie, ma il bello è che addirittura si preoccupa per i suoi aguzzini! Magari l'hanno appena morsa e/o trattata a pesci in faccia, eppure lei è sempre lì imperterrita a chiedere al mascalzone di turno: "Stai bene?"... Ma santo cielo, sono vampiri, cosa vuoi che gli succeda? E poi, anziché perdere tempo scappa, no?? Ti hanno detto che sarai una "sposa sacrificale", non so tu, ma a me non farebbe pensare a niente di buono! 
Per non dire poi che questa viene regolarmente bevuta in ogni puntata, anche più volte, e non fa una piega: è sempre fresca come una rosa, non grida mai di terrore, non sviene mai per la mancanza di sangue... e ovviamente non ha MAI segni di morsi sul corpo (sì, perchè viene morsa un po’ dappertutto, mica solo sul collo). Quanto alla 2^ stagione, mi è bastato constatare che i 4 "nuovi" fratelli sono praticamente identici ai 6 "vecchi" come personalità – Ruki è indifferente come Shu, Kou è strafottente come Laito, Azusa è un pazzo maniaco come Kanato, e Yuma è autoritario come Ayato – per decidere di piantarla lì una volta per tutte.
Ancora?? Ma sì, tanto ce n'è per tutti!
Lo so, probabilmente sarò stata tratta in inganno dalla dicitura 'horror', mentre come ho detto questo anime di horror ha molto poco; è un harem bello e buono, c'è la solita protagonista scema di turno che viene assediata (nel vero senso della parola) da uno sciame di maschi belli e dannati e non sa decidersi fra quale scegliere. Ecco come stanno le cose. E io con gli harem sono sempre andata molto poco d'accordo. Forse voi che avete visto questa serie (e magari pure apprezzata) penserete che due puntate sono troppo poche per farsi un'idea precisa, oppure che i protagonisti maschili non sono poi così simili gli uni agli altri; beh, a me hanno dato questa impressione. Comunque è stato soprattutto il personaggio di Yui e le dinamiche con i vari fratelli a non avermi fatto apprezzare questo anime, penso. Ok che sono vampiri, ci sta che siano crudeli; ma il modo in cui trattano Yui, proprio come un semplice pezzo di carne, è una delle cose che più mi hanno disturbato. Non mi piacciono per niente le storie così, non mi dicono nulla. E il fatto poi che lei sia una stupida senza rimedio è stata la ciliegina sulla torta! Salvo giusto il charadesign generale e i dieci ragazzi, che obiettivamente sono molto fighi, questo sì, ma per il resto vi consiglio di stare bene alla larga da questa roba!

Commenti

Post popolari in questo blog

Possession - Rovina (un romanzo della Obsession Saga)

Liebster award 2017

YataMomo