Post in evidenza

Mi presento!

Ciao a tutti e benvenuti nel mio blog! Quali che siano le circostanze che vi hanno condotti qui, spero vi troverete bene! ^^   Per il p...

venerdì 7 agosto 2015

Il Gioco del Gatto e del Topo

 
I protagonisti (da sinistra)
Kyoichi e Imagase
Il gioco del Gatto e del Topo (titolo originale, “Kyuuso wa Cheese no Yume o miru”) è un manga scritto e illustrato da Setona Mizushiro a partire dal 2006, inizialmente serializzato sulla rivista Judy e poi raccolto in un unico tankobon, cui nel 2009 ne ha fatto seguito un altro. In Italia entrambi i volumi sono stati pubblicati nel 2010 dalla Ronin Manga.

TRAMA: Kyoichi è un uomo sposato, ma non si fa scrupoli nel concedersi qualche avventura extraconiugale. Per questo la moglie assolda un detective che indaghi sui suoi tradimenti: si tratta di Imagase, un ex compagno di scuola di Kyoichi. In nome della loro vecchia amicizia però Imagase si dice disposto a mentire alla propria cliente, ma ovviamente vuole qualcosa in cambio: il corpo del suo ex senpai. Kyoichi saprà resistere alla tentazione, oppure scoprirà un nuovo modo di concepire l’amore?

IL MIO VOTO =
 
Setona Mizushiro è un’autrice molto famosa sia in patria che all’estero. In Italia ad esempio sono stati pubblicati, sempre dalla Ronin, altri suoi manga (Black Rose Alice, After School Nightmare); non disegna solo yaoi, questa è anzi la sua prima incursione nel genere, visto che preferisce soprattutto shojo e Josei (la Judy infatti non è una rivista specializzata in yaoi, ma in josei). In più – altro punto a suo favore – abbiamo l’onore di sapere com’è fatta! Carina, vero? E pensare che ha più di quarant’anni... dannati giapponesi senza età! XD

Ma torniamo al manga. Se non fosse abbastanza chiaro dal mio voto, lo metto anche per iscritto: è uno dei migliori che abbia mai letto del genere. La storia mi ha emozionato moltissimo, dalla prima all’ultima pagina. Non lo definirei nemmeno uno yaoi, perchè non ha nessuna delle caratteristiche tipiche del genere: non c’è una netta separazione tra seme e uke e non c’è nemmeno l’ombra – finalmente! – di paranoie assurde o comportamenti irrazionali e/o infantili. L’opera possiede una maturità e una profondità uniche, come del resto c’è da aspettarsi da un’autrice abituata a rivolgersi ad un pubblico adulto, perciò se cercate il “tipico” yaoi questo forse non è il manga che fa per voi; se invece vi siete un pò stufati delle "solite" storie leggere e cercate qualcosa di diverso e su cui riflettere, avete scelto benissimo.

I personaggi principali, Kyoichi e Imagase, sono molto ben caratterizzati. Il primo è il tipico uomo che non ama assumersi le proprie responsabilità, farfallone e ingenuo, che sembra subire qualunque situazione senza trovare la forza (nè la voglia) di ribellarsi. Questo è evidente fin dalle prime pagine, in cui ci viene mostrato qualche scorcio del suo matrimonio: lui e la moglie non potrebbero essere più diversi ed è chiaro che la loro unione è morta e sepolta da un pezzo, lei pensa solo allo shopping e alla bella vita mentre lui, per il quieto vivere, l’accontenta in tutto e per tutto. Imagase invece è l’opposto di Kyoichi: è un uomo spontaneo e molto sincero sia nei propri giudizi che nelle proprie scelte, quasi non sopportasse l'idea di perdere tempo. E infatti si getta a capofitto nell'indagine sul suo ex compagno di scuola perchè in realtà (e qui gli eventi prendono una piega piuttosto banalotta, ma tant’è) lo ha sempre amato e vede in questo lavoro un’occasione unica per avvicinarsi a lui. Approfittando così della debolezza d’animo di Kyoichi, Imagase riesce ad insinuarsi nella sua vita e nel suo cuore, fino ad intraprendere con lui una sorta di relazione amorosa... dico “sorta” perchè sotto sotto nessuno dei due ne è veramente convinto. Imagase, conoscendo Kyoichi, non si fa troppe illusioni, sa benissimo che l’altro si è come sempre lasciato trascinare dagli eventi e, non sapendo quanto durerà, cerca di trarre il massimo dalla situazione; Kyoichi, d’altro canto, è sì spaesato di fronte al suo coinvolgimento con Imagase, ma a poco a poco scoprirà che in fondo tiene molto a quell’uomo all’apparenza così sicuro di sè e invece così fragile, quasi infantile in certi atteggiamenti, che lo ama disperatamente e ossessivamente ma che in fondo riesce a dargli tutto quello che lui ha sempre cercato: comprensione, calore umano, stabilità, affetto.

Il primo volume si chiude così, con Kyoichi che, rimasto solo per l’ennesima volta, accoglie Imagase nella sua vita oltre che nella sua casa. Il secondo riprende esattamente da lì, mostrandoci la routine dei due uomini e la loro storia d’amore che cresce piano piano, giorno dopo giorno, fino a subire una brusca battuta d’arresto. Si verifica infatti un evento che in un certo senso farà “tornare alla realtà” Kyoichi, il quale, intimorito, sceglie di chiudere la storia con Imagase e tornare alla vita cosiddetta “normale”, iniziando a frequentare una donna e arrivando persino a progettare un futuro con lei; naturalmente però tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare...

Come avrete capito questa storia, pur essendo piena di momenti romantici e coinvolgenti, presenta anche molte situazioni "forti" come il tema dell'abbandono e della solitudine; le scene d'amore sono inoltre abbastanza esplicite, per cui è sicuramente consigliato ad un pubblico maturo. L’edizione della Ronin è molto ben curata, non ci sono pagine a colori ma c’è la sovracoperta per tutti e due i volumi. La traduzione e l’adattamento dei dialoghi mi sono piaciuti moltissimo, penso sia stato fatto un lavoro pressochè eccellente. Assolutamente degno di questo manga che, nel genere yaoi, rappresenta davvero una delle eccellenze.

3 commenti:

  1. Questo volume lo cerco da una vita. Quando uscì me lo feci scappare e quando mi sono finalmente fatta furba era ormai introvabile ç__ç
    Guardo sempre la sezione "Ronin" nella speranza di scorgerlo T__T

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io presi il primo in fumetteria e il secondo, assolutamente per caso, grazie ad aNobii, quando ormai avevo perso le speranze di trovarlo.
      Per me è un manga imperdibile, so che non è proprio il tuo genere preferito ma spero che prima o poi riuscirai a recuperarlo! ;)

      Elimina
  2. Vorrei leggerlo da un sacco di tempo! Spero di poter approfittare della ristampa appena possibile ^^

    RispondiElimina