The Man Of Tango


da sinistra, i protagonisti
Hiro e Angie
The Man of Tango (“Tango no Otoko”) è un manga scritto e illustrato da Tetuzoh Okadaya a partire dal 2008, serializzato inizialmente sulla rivista Mellow Mellow (Ozhora Shuppan) e poi raccolto in un unico volume autoconclusivo. È stato pubblicato in lingua inglese dalla SuBLime nel 2013 ed è inedito in Italia, anche se era stato annunciato dalla Renbooks nientemeno che per l'estate dell'anno scorso... si saranno persi le bozze per strada?? ><

TRAMA: nonostante venga soprannominato “l’Uomo del Tango”, Angel detto Angie non è mai riuscito a sentire fino in fondo la potenza e la passionalità di questa danza; le cose però cambiano quando conosce Hiro, metà giapponese e metà latinoamericano con un passato turbolento alle spalle ed etero convinto. Angie si sente attratto da Hiro fin dalla prima volta che lo vede e Hiro, pian piano, si lascia coinvolgere dalla sensualità del tango (nonchè da Angie)...

IL MIO VOTO =
 
(attenzione ai possibili spoiler)



The Man of Tango è una storia molto complessa e intrigante, che tiene il lettore incollato alle sue pagine fino all’ultima. Sebbene i protagonisti principali siano Angie e Hiro, la storia non ruota tutta intorno a loro: abbiamo infatti anche i personaggi ricorrenti di Nonino, mentore ed ex amante di Angie, Benedicta detta Bene, grande amica del tanguero e sua partner nella danza, e Pepe, un anziano e abilissimo fabbricante di scarpe da ballo. Quest’ultimo personaggio in particolare ha una sottotrama interessante incentrata sulla sua giovinezza e sul suo amore impossibile per Ayumi, una volitiva donna giapponese che non gli concesse mai il suo cuore, ma che in compenso non indossava altre scarpe se non quelle fabbricate da lui. 
Nelle intenzioni dell’autrice, la storia di Pepe e Ayumi doveva essere la principale del manga; grande fan della musica lationamericana, nello stesso periodo ha iniziato ad appassionarsi alle lezioni di tango ed è da lì che poi è nato il personaggio di Angie ed ha iniziato a  svilupparsi la trama principale con protagonisti lui e Hiro.
 
Io ho adorato questa storia. Non è la solita storia yaoi con protagonisti verginali e/o piagnucolosi né ci sono paranoie tipo “Mi amerà?? Ma quanto mi amerà??” e/o situazioni ambigue che non portano mai da nessuna parte; è la storia di due uomini che si trovano in un momento in cui entrambi ne hanno un estremo bisogno, che prima diventano amici e che poi, nel modo più naturale possibile, scoprono di amarsi. Sia Angie che Hiro hanno un passato piuttosto complicato alle spalle, in particolare quest’ultimo: nato in Colombia, viene costretto a trasferirsi in Giappone dal nonno quando è ancora un bambino e l’impatto con una cultura tanto diversa, che non gli consente di esprimersi liberamente, è traumatico e lascia su di lui un segno profondo. Non è semplice per Hiro lasciarsi andare, anche se è un bell’uomo e non ha problemi a conquistare le donne, perché nessuna sembra capirlo veramente. Angie è l’unico che ci riesce e per Hiro non sarà facile accettarlo inizialmente, soprattutto quando si accorge di essere attratto da lui.
 
Altro protagonista importantissimo della storia, poi, è senz'altro il tango. Si capisce che l’autrice ne è un’appassionata dalle molte scene di danza rappresentate, alcune anche riguardanti il lavoro di Angie come insegnante, e dalla cura che mette nell’illustrare i corpi dei ballerini e i particolari, come le scarpe. Il tratto della Okadaya è piuttosto ‘massiccio’, i corpi maschili sono rappresentati in maniera molto realistica e infatti questo manga è assimilabile al genere bara più che yaoi, ma non per questo la storia è priva di grazia o dolcezza; le scene d’amore tra Angie e Hiro, ad esempio, sono un qualcosa di veramente toccante (pur se parecchio esplicite!), si capisce che la loro è una vera storia d’amore che sboccia pian piano e che entrambi proteggono come un tesoro prezioso.

Concludendo, The Man of Tango è un altro manga di quelli imperdibili: non vi fate scoraggiare dal tratto non proprio tipicamente yaoi e dalle tematiche un po' forti, dategli una possibilità e sono certa che anche voi, come me, non potrete non amarlo!

Commenti

  1. Avevo adocchiato questo titolo quando stava per essere pubblicato, ma ancora non sono riuscita a recuperarlo. Avevo sfogliato qualche anteprima e sembra un volume, come scrivi tu, "diverso dal solito" per storia, stile grafico e argomento ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un manga veramente unico, uno dei più belli che ho letto. Se dovessi recuperarlo poi fammi sapere che ne pensi! ^^

      Elimina

Posta un commento

Un commento è sempre gradito! ;)

Post popolari in questo blog

Stroncature: Boku no Pico

Liebster award 2017

YataMomo